Il laboratorio urbano di Fasano ha ospitato un convegno dell’Udc sul tema “Sviluppo delle attività produttive e crescita occupazionale”. Hanno relazionato, assieme al consigliere comunale Tonio Zizzi, altri esponeti dell’UDC: Franco Mastro (Commissario cittadino Udc), Cataldo Natola (consulente del lavoro), Pierpaolo Miglietta (Responsabile della Commissione provinciale lavoro e dei Centri territoriali per l’impiego della Provincia di Brindisi), Giuseppe Salonna (Coordinatore provinciale “Noi Centro”), Giuseppe Pace (Assessore provinciale alle attività produttive), Ciro Argese (Segretario provinciale Udc), Massimo Ferrarese (Presidente provincia di Brindisi) e Angelo Sanza (Coordinatore regionale Udc). Il convegno ha visto articolarsi in vari momenti e relazioni, a cominciare dal contenuto della cosiddetta riforma Fornero in materia di lavoro alle nuove opportunità offerte alle aziende disposte ad assumere personale con contratti di apprendistato. L’Assessore provinciale Giuseppe Pace ha comunicato una serie di dati forniti dall’Osservatorio Provinciale sul lavoro dai quali emerge da una parte la sofferenza delle imprese locali e dall’altro l’altissimo tasso di disoccupazione provinciale che si attesta al 28%, a fronte del 15% su scala regionale. Per Pace è fondamentale, per uscire dalla crisi il ruolo delle Istituzioni nel fornire alle imprese il massimo aiuto, e quello della politica che dovrebbe produrre disegni di legge da portare in Parlamento che rappresentino le esigenze reali della popolazione. Il discorso poi è scivolato sul tema della soppressione e accorpamento delle provincie e così il presidente Ferrarese ha preannunciato le sue dimissioni per protesta contro la legge che prevede il taglio delle provincie. All’incontro si è registrata un’ampia partecipazione di pubblico molto interessato ai tempi dell’economia e alle azioni da attuare per uscire da questo periodo di profonda crisi.

Leave a Comment

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Clicca su Accetto per non visualizzare più questo avviso.