Per il secondo anno di seguito, l’associazione culturale “Le Nove Muse” si conferma fortino letterario della città di Fasano per la manifestazione regionale “Inchiostro di Puglia”, che si terrà domenica 24 aprile 2016: dopo il successo della scorsa edizione, che si svolse in collaborazione con la scuola media “Bianco-Pascoli”, questa volta palcoscenico delle iniziative prettamente culturali sarà il Teatro Sociale.

L’iniziativa, che coinvolge i Comuni e i sodalizi più sensibili, è nata da un’idea di Michele Galgano per rispondere ai dati statistici che vedono la Puglia tra le ultime regioni italiane per numero di lettori. Un dato sconfortante, se si pensa alle numerose associazioni culturali che nella nostra regione promuovono la lettura, i festival e i concorsi letterari.

Dopo la nascita del blog http://inchiostrodipuglia.weebly.com/, i pugliesi, i lettori, i librai, i promotori culturali e i sodalizi si sono lasciati coinvolgere dall’appello di Galgano, accettando la sfida: collaborare con creatività e spirito di intraprendenza per dimostrare che non solo la lettura è importante per la formazione personale, ma aiuta a creare occasioni di contatto, amicizia e incontro che non sono limitate a una sola giornata, il 24 aprile, ma sono destinate a continuare nel tempo.

Questa sera, sabato 16 gennaio, l’avvocato Giusy Santomanco, socia onoraria dell’associazione culturale “Le Nove Muse” e curatrice della rubrica radiofonica di Rcbradioperpassione, spiegherà come è possibile iscriversi alla rete e collaborare con i “fortini letterari” della provincia di Brindisi. Appuntamento, dunque, alle ore 19.30 in streaming su www.rcbradioperpassione.it oppure sulle frequenze 92,5 fm o sul canale 85 del digitale terrestre.

Per restare sempre aggiornati sulle attività in programma, seguite le pagine social Facebook e Twitter del Teatro Sociale di Fasano e dell’associazione culturale “Le Nove Muse”.

Leave a Comment

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Clicca su Accetto per non visualizzare più questo avviso.