Vittoria per 82-56 nel il primo round della serie play-out che regalerà il pass per la Serie C Nazionale 2015-2016. Si replica giovedì con gara 2 a Santeramo Technoacque Fasano – Murgia Santeramo 82-56 Parziali (21-11, 13-12, 19-15, 29-18)
Tabellini
Technoacque Fasano: Santoro 17, Liaci (K) 6, Manchisi 21, Damasco 0, Rosato 16, Musa 4, Argento 4, Persichella 9, Sabatelli 3, Sabatelli 2. All.re Carlos Sordi Murgia Santeramo: Difonzo G. 4, Porfido 3, Maiullari 2, Stano S. 18, Difonzo E. 10, Stano A. 2, Stano D. 8, Petruzzelli 0, Silletti (K) 4, Girardi 5. All.re Labarile
Arbitri: D’Elia di Lecce e DiSisto di Nardò.
Note: Presenti circa 200 spettatori.

La Technoacque Fasano incassa la prima vittoria della serie play-out nel campionato di basket di serie C regionale pugliese, battendo con un secondo tempo davvero intenso una Murgia Santeramo che per 20 minuti ha giocato viso a viso, contro una formazione tecnicamente e fisicamente più dotata. Top-scorer dell’incontro la guardia monopolitana Tommaso Manchisi, autore di 21, premiato, tra l’altro, durante l’intervallo come miglior giocatore della stagione. MVP della partita il play Santoro, con una doppia doppia: 17 punti a referto e 10 assist complessi.
Partita che ha mostrato, nonostante il largo scarto finale, la grande voglia di fare bene dei ragazzi di Labarile, che hanno impegnato per due quarti e mezzo i ragazzi di coach Sordi, usciti alla lunga
grazie alla intensità di Rosato e alla chirugica mano del play Santoro, che ha dispensato assist ai compagni, scardinando la difesa proposta dai murgiani.
Coach Sordi manda in campo lo starting five composto da Santoro in regia, Manchisi e Rosato sugli esterni e la coppia Persichella – Damasco tra le linee interne; coach Labarile risponde con il play Di Fonzo, Stano S., Maiullari e Silletti sul perimetro e Girardi come interno. Primo minuto di gioco, nessun punto a referto, e coach Sordi deve subito rinunciare al suo lungo titolare: Damasco si infortunia ad una coscia e dovrà dire addio alla partita e alla serie play-out, facendo subito della partita Argento (4). A muovere il punteggio ci pensa Rosato (16), oggi davvero devastante per intensità e voglia di fare, 9 punti dei primi 14 messi della a referto dalla Techanocque sono suoi.
Manchisi (21) mette subito in moto il braccio e segna due triple che consentiranno ai locali di andare avanti nel punteggio. Gara che però resta inchiodata sui ritmi bassi e sul gioco fisico, piano che favorisce i murgiani, che restano a contatto, grazie ai canestri di Stano. Sotto canestro comincia a farsi sentire anche Persichella (9). Alla prima sirena avanti la Technoacque di10: 21-11.
Secondo quarto che riparte sulla falsa riga del primo: Fasano che fatica a trovare spazi all’interno dell’area, per la difesa energica dei viaggianti, che provano anche a giocare box-and-one per cercare di obbligare i tiratori locali a forzare tiri da fuori, e tenere bloccato Manchisi, il giocatore con le più alte percentuali della stagione. La partita si fa dura e gli arbitri cercano di tenerla sotto controllo, fischiando ogni contatto: ne fa le spese Persichella che è costretto ad uscire dopo il terzo fallo assegnato, dando spazio a Musa (4). Nel finale di quarto è Santoro (17), finora autore di assist, a mettere a segno i tre punti del 34-23 di fine tempo. Nella ripresa coach Sordi indica ai suoi di spingere sull’acceleratore in modo da non arrivare al quarto finale con gli avversari ancora a contatto: Santoro sale in cattedra e realizza 5 punti che valgono il +18, con la Murgia Santeramo che inizia a risentire della differenza fisica e tecnica. Alla
sirena del terzo periodo si arriva sul 53-38.
Ultimo quarto giocato al massimo sin da subito da Liaci e compagni che riescono ad attaccare il ferro con continuità segnando punti e subendo falli che portano in bonus la Technoacque dopo 4
minuti di gioco. Santoro dà tutto quello che può e con quattro assist e 9 punti scava l’ultimo solco tra le due formazioni. Coach Labarile capisce che la partita è andata e mette a riposo i suoi ragazzi
con più minutaggio, anche coach Sordi ha così la possibilità di far rifiatare i suoi titolari, mandando in campo gli under Sabatelli (3) e Baccaro (2), cha avevano già fatto il loro ingressoin campo nel primo tempo. Finale sul 82-56 proprio grazie alla tripla di Sabatelli.
Si replica giovedì 07 maggio a Santeramo, ore 20. Appuntamento con la storia per il Basket Fasano, mai presente nella griglia di partenza di un campionato nazionale.

Leave a Comment

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Clicca su Accetto per non visualizzare più questo avviso.