Ieri il Consiglio Regionale ha approvato la proposta di legge del Consigliere Fabiano Amati che qualifica come “fuori sede” gli studenti di Cisternino, Fasano, Bisceglie, Trani e Barletta, consentendo loro l’accesso alle borse di studio del bando Adisu, così come era sempre accaduto negli anni scorsi. 

“La proposta di legge di Fabiano Amati ha risolto tempestivamente un grave problema. – spiega il Consigliere Comunale Pier Francesco Palmariggi – In queste settimane siamo stati destinatari del grido di allarme di tante famiglie che sollecitavano una soluzione rapida. Anche durante il dibattito dell’ultimo Consiglio Comunale avevamo assicurato il nostro impegno (già testimoniato dalla nota inviata dal Sindaco Zaccaria ad Adisu) e il supporto dell’Amministrazione all’iniziativa necessaria e risolutiva del Consigliere Amati, che ha messo in sicurezza i diritti degli studenti universitari della nostra città.”

Soddisfatto anche Andrea Di Bari, Segretario dei Giovani Democratici della Provincia di Brindisi, che sin da subito si è battuto per la causa:

“Il reinserimento di Fasano e Cisternino, nonché l’inserimento di Trani, tra i comuni “fuori sede” non può che renderci soddisfatti. Limitare il diritto allo studio, mai come in questo periodo storico, sarebbe stato un drammatico errore.

È stata scritta una pagina di buona Politica, grazie soprattutto ad una comunità di ragazzi che ha saputo reagire immediatamente. Un grazie, soprattutto, al Consigliere Amati, che dal primo giorno si è fatto portatore delle nostre istanze, e a tutte le forze politiche che hanno preso a cuore questa problematica.”

Leave a Comment

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Clicca su Accetto per non visualizzare più questo avviso.