+39 080 442 5167

Una fasanese a capo di Donne Impresa della Coldiretti

12 Mag 2019 Attualità Redazione Gianfranco Mazzotta

Floriana Fanizza, contitolare di Masseria Mozzone a Fasano, eletta responsabile

In Italia quasi un’azienda agricola su 3 (29%) è guidata da donne che hanno portato un profondo apporto in termini di innovazione e sostenibilità all’agricoltura italiana, oggi il secondo settore per presenza di imprese rosa dopo il commercio.

E’ quanto emerge da un’elaborazione di Coldiretti su dati Unioncamere in occasione dell’elezione a Palazzo Rospigliosi, a Roma, di Floriana Fanizza, agrichef e imprenditrice agrituristica di Fasano come nuova responsabile nazionale di Donne Impresa Coldiretti la maggiore associazione femminile di categoria. Al suo fianco, in rappresentanza di tutte le regioni d’Italia, una giunta formata dalle due vice presidenti Rita Licastro, olivicoltrice della Calabria e Chiara Bortolas coltivatrice di ortaggi in Veneto, oltre a Elisabetta Secci dalla Sardegna, Wilma Pirola dalla Lombardia, Cristina Adelmi dalla Liguria, Margherita Scognamillo dalla Sicilia e Antonella Di Tonno dall’Abruzzo.

Floriana Fanizza ha abbandonato il suo lavoro di ricercatrice universitaria e docente di Demografia Investigativa presso l’Università di Bari per diventare imprenditrice agricola, avviando un agriturismo, Masseria Mozzone, nella zona di Fasano, ai piedi della collina di Cisternino. Qui produce olio extravergine d’oliva, da cui ha sviluppato anche una linea di cosmetici green, ma mantiene vive anche le tradizioni della cucina rurale pugliese, grazie al suo lavoro come agrichef, i cuochi contadini di Campagna Amica che utilizzano i prodotti da loro stessi coltivati in azienda.

Il mondo imprenditoriale femminile è in espansione, come è emerso durante il Coordinamento nazionale: in Italia più di 1 azienda agricola su 4 è guidata da donne con il 45% delle circa 215 mila imprese “in rosa” che si concentra al sud dalla Sicilia alla Puglia, dalla Calabria alla Campania, dalla Basilicata al Molise, dai dati di Unioncamere. 

Commenti

There are no comments yet×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *