Operazione treni puliti” è la mostra video-fotografica che testimonia l’impegno di Trenitalia per rendere i treni pugliesi puliti e accoglienti. Inaugurata martedì 3 luglio scorso presso la stazione di Bari Centrale dal Direttore del Trasporto Regionale di Trenitalia in Puglia, Mariella Polla, e dall’Assessore Regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità, Guglielmo Minervini, rimarrà a bari fino al 6 luglio, per poi spostarsi a Foggia dal 9 al 11 luglio, a Lecce dal 12 al 13 luglio, a Barletta dal 16 al 18 luglio e dal 19 al 20 luglio in quella di Taranto. La mostra, aperta al pubblico dalle ore 9 alle 17, ripercorre un processo iniziato da Trenitalia Puglia a ottobre del 2009 ed illustra l’evoluzione delle innovative tecniche di pulizia adottate. Il racconto video-fotografico ha l’obiettivo di coinvolgere il pubblico sull’incidenza economica e sociale degli atti vandalici (rottura vetri e plafoniere, tagli e scritte ai rivestimenti sedili ed agli arredi, scarico di estintori, ecc.) e di inciviltà (scarpe sui sedili, rifiuti abbandonati in treno, ecc.) che comportano grossi sprechi di tempo e di denaro “rubati” alle attività migliorative del servizio. Ammonta a circa 1 milione di euro la spesa che la Direzione di Trenitalia Puglia ha sostenuto nel 2011 per riparare i danni alle carrozze (esternamente ed internamente) e ai locomotori. Circa 62.000 euro per rimuovere i graffiti, 140.000 euro per il “fermo vetture”, le decurtazioni e le soppressioni, 282.000 euro per il reintegro del materiale (foderine ecopelle, arredi, pellicolature, ecc.) e 508.000 euro per la manodopera. A questi occorre aggiungere i costi ambientali. Basti pensare che, per rimuovere i 10.100 metri quadri di graffiti, superficie che annualmente viene vandalizzata sui treni della Puglia (per dare l’idea è una superficie pari a due campi di calcio), occorrono 2.000 ore di lavoro dedicato, 5.000 Kg di prodotti chimici, 400 litri di benzina/gasolio, 100.000 litri di acqua che, in totale, producono 5.000 Kg di rifiuti speciali da smaltire, per non parlare del danno diretto ai viaggiatori che trovano il loro treno con un numero inferiore di posti per l’assenza delle carrozze ferme in officina. Da ottobre 2009, per le pulizie sui treni regionali, opera in Puglia la Dussmann Service srl. La società adotta la nuova “filosofia del pulire” che si concretizza, attraverso l’utilizzo di nuovi ed esclusivi macchinari, in operazioni di disinfezione e sanificazione. Sono circa 100 le persone impegnate per garantire la pulizia e il decoro a bordo dei treni regionali per un totale di 150 mila ore annue di attività. Gli interventi di pulizia sono 80mila all’anno e vengono effettuati in 14 tra stazioni e impianti ferroviari dislocati sul territorio pugliese. Assidua anche l’attività di controllo del personale Trenitalia che svolge mensilmente oltre 800 ispezioni. A queste ultime si aggiungono le frequenti ispezioni da parte della Regione Puglia. Sono state già ristrutturate 78 carrozze a piano ribassato. Attualmente Trenitalia, in aggiunta alle operazioni già eseguite nel corso degli ultimi mesi che hanno consentito di rivestire in ecopelle tutti i sedili delle carrozze, sta investendo in interventi di restyling e ammodernamento delle vetture a doppio piano tradizionali attraverso la nuova pellicolatura delle pareti interne, il rifacimento dei pavimenti, la ristrutturazione dei bagni e la pulizia e verniciatura delle cornici interne dei finestrini di cui 4 già in circolazione dal mese di giugno 2012.

Leave a Comment

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Clicca su Accetto per non visualizzare più questo avviso.