I volontari del Comitato Locale di Croce Rossa Italiana di Fasano hanno vinto ieri, domenica 20 settembre, la Gara Regionale di Primo Soccorso riservata ai volontari Cri.

Un successo prestigioso per il rinnovato team fasanese che ha saputo sbaragliare la concorrenza delle altre sette formazioni che si sono misurate nella competizione svoltasi a Bari ed organizzata dal Comitato Provinciale Cri di Bari.

Ai nastri di partenza otto formazioni di queste sei provenienti dalla Puglia (Fasano, Ostuni, Gioia del Colle, Valenzano, Foggia e Torremaggiore) e due dalla Basilicata (Filiano e Lavello). Oltre ai partecipanti l’organizzazione ha messo in azione oltre 70 volontari tra simulatori e truccatori (2 provenienti da Fasano) e circa 20 giudici (2 fasanesi).

Nove le postazioni di gara su cui si sono misurati i partecipanti con altrettante situazioni di Primo soccorso da affrontare: lo scippo, l’impiccagione, maxiemergenza con esplosione di una bombola, un pic nic con puntura di una ape e un morso di una vipera, un parto con l’espulsione del bambino e della placenta. Inoltre previsti anche le postazioni per le prove quiz su obiettivi strategici, protezione civile, diritto internazionale umanitario, ecc.

La compagine fasanese, accompagnata a Bari dal Presidente del Comitato Cri fasanese Cosimo Mancini, era composta dai volontari Marco Darcavio (caposquadra) e dai soccorritori Maria Pinto, Franco Spadintessa, Valentina Pipoli e Mariangela Bungaro.

La formazione fasanese ha praticamente ottenuto il punteggio massimo in tutte le prove centrando, per la terza volta nella storia delle gare regionali, il titolo pugliese che permetterà loro di partecipare alla XXIII edizione della Gara nazionale di Primo Soccorso, in rappresentanza della Puglia, in programma domenica prossima a Senigallia in provincia di Ancona, competizione nazionale con valenza Europea nell’ambito dell’educazione al primo soccorso.

Leave a Comment

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Clicca su Accetto per non visualizzare più questo avviso.