Il riconoscimento alla Confederazione per il ruolo di promozione del “made in Italy” agroalimentare ed enogastronomico nell’anno di Expo. La cerimonia domenica 24 maggio a Castellaneta, ritirerà la statuetta il presidente nazionale Dino Scanavino.

La Cia-Confederazione italiana agricoltori è tra le sedici eccellenze che quest’anno riceveranno il “Premio Rodolfo Valentino Italian Excellence”, il riconoscimento assegnato a coloro che “nei rispettivi campi -spiega la presidente della Fondazione Rodolfo Valentino che organizza l’evento, Anna Maria Galgano- si sono distinti per aver raggiunto livelli di preminenza, portando onore e lustro al nostro Paese. Un premio dedicato a quello che, ancora oggi, a distanza di un secolo, è considerato uno dei più grandi interpreti dell’allora nascente settima arte, il cinematografo”.

Così, nell’edizione 2015, oltre a rappresentanti di lustro del cinema, del giornalismo e dello spettacolo (da Michele Riondino a Luca Barbareschi, da Giuliana Lojodice a Gigi Mastrangelo, da Emilio Solfrizzi a Silvia Fumarola e Mariella Milani), verrà premiata anche la Cia, con la seguente Menzione speciale: “Per il poderoso contributo offerto alla tutela del Made in Italy agroalimentare ed enogastronomico in tutto il mondo, simbolo della nostra identità culturale e di un modo di produrre che coniuga sostenibilità e qualità, nel pieno spirito dei principi indicati da Expo 2015”.

La cerimonia di premiazione si terrà domenica 24 maggio, durante la serata di gala al cineteatro Valentino di Castellaneta, e a ritirare la statuetta per la Confederazione sarà il presidente nazionale Dino Scanavino.

“Siamo onorati di ricevere questo premio -sottolinea Scanavino- che dimostra ancora una volta come i nostri agricoltori non si limitano a produrre cibo sano e di qualità, ma contribuiscono in maniera determinante alla valorizzazione di un patrimonio di tradizioni e saperi, oltre che alla tutela del territorio e alla costruzione del paesaggio, rendendo il made in Italy un valore riconosciuto in tutto il mondo”. Un riconoscimento che “vogliamo dedicare a Franco Catapano -aggiunge il presidente nazionale della Cia-, un giovane dirigente pugliese della nostra Confederazione recentemente scomparso e che ha dedicato la propria vita professionale allo sviluppo di progetti a sostegno del settore primario e della sua affermazione come volano di crescita per l’economia del Paese”.

Leave a Comment

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Clicca su Accetto per non visualizzare più questo avviso.