Don Luigi Ciotti, prete antimafia, è stato ospite a Fasano per l’intera giornata di sabato 3 dicembre. Ad invitarlo sono stati il coordinamento provinciale e il presidio fasanese di “Libera”, la cooperativa “Libera Terra di Puglia” e il liceo scientifico “L. Da Vinci” che ha ospitato e sostenuto l’intero evento. Una manifestazione suddivisa in due momenti: al mattino con gli studenti, al pomeriggio con tutta la cittadinanza. L’appuntamento con le scolaresche ha permesso a tutti i partecipanti di interrogarsi sul senso della legalità , sul bisogno di “trasformare la denuncia in impegno concreto per costruire giustizia” attraverso la corresponsabilità di ciascun cittadino. Don Ciotti ha raccontato storie di mafia e antimafia, parlando di numerose vittime e della nascita nel 1995 di “Libera”, sodalizio che metti insieme numerose associazioni, scuole e università a livello nazionale e locale. L’evento è stato trasmesso in diretta dalla nostra emittente ed è riascoltabile dal nostro sito internet www.radiodiaconia.it nella sezione Radio Replay. Al pomeriggio don Ciotti, ha voluto ricordare Palmina Martinelli in occasione del suo 30° anniversario dalla morte. Prima dell’incontro il prete antimafia si è recato alla tomba della giovane fasanese per deporre una piantina di ciclamini e recitare una preghiera. Presenti nella gremita sala numerose forze dell’ordine e autorità tra cui anche il sen. Nicola Latorre, il priore don Sandro Ramirez e il parroco don Giorgio Pugliese (fondatore tre anni fa del presidio di “Libera” di Fasano assieme all’ex preside Antonio Carbonara e alla prof.ssa Giuditta DI Leo). La serata si è conclusa con l’ascolto di una canzone scritta dai ragazzi di “Libera” ed eseguita da Renato Murri (chitarra e armonica) e Marina Tafuri (voce). Un prezioso incontro, quello con don Luigi Ciotti, che ha emozionato tutti invitando ad interrogare la coscienza di tutti quanti.

Leave a Comment

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Clicca su Accetto per non visualizzare più questo avviso.