Nei prossimi giorni farà il suo esordio in Puglia la nuova “Gregoire G167″ per la raccolta di olive in impianti superintensivi, una macchina che potrebbe abbattere notevolemnte i costi di raccolta. Per presentare questa innovazione l’Università degli Studi di Bari ” Facoltà di Agraria insieme alla Cia (Confederazione italiana agricoltori) Puglia, alla Olint e alla Kverneland Group Italia srl che ha messo a disposizione la macchina, ha organizzato ” nell’ambito di una “Tre giorni con la nuova Gregoire G167 in oliveti superintensivi di Puglia” che si terrà a livello regionale ” una giornata dimostrativa che, per le province di Brindisi, Lecce e Taranto, si svolgerà Sabato 24 Novembre a Pozzo Faceto, in agro di Fasano (Brindisi), in un campo sperimentale realizzato nell’azienda agricola Maria Cenci “Masseria Ciccolucci”. Il programma della giornata prevede per Sabato 24 Novembre alle ore 9 presso la Sala Convegni della Cooperativa “Progresso Agricolo” (Contrada Sant’Angelo a Fasano) l’apertura dei lavori con l’intervento di Donato Petruzzi, Vice Presidente regionale vicario della Cia Puglia, a cui seguiranno le relazioni tecniche del prof. Angelo Godini (Direttore Dipartimento Scienze delle Produzioni Vegetali dell’Università di Bari), del prof. Francesco Bellomo (Dipartimento Pro.Ge.Sa. dell’Università di Bari) e di Eleonora Benassi (Amministratore Delegato della Kverneland Group Italia srl). A seguire alle ore 10.30 presso l’Azienda Agricola Maria Cenci “Masseria Ciccolucci” (Strada Provinciale Pozzo Faceto-Torre Canne Km. 1) si terrà la prova dimostrativa di raccolta delle olive in continuo con la presentazione in campo della nuova Gregoire G167.

Leave a Comment

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Clicca su Accetto per non visualizzare più questo avviso.