+39 080 442 5167

Musica e spettacolo, a Fasano un’estate da Vivere

TERRAROSS
Fasano, giovedì 13 giugno 2019 – ore 21.30 Portici delle Teresiane

terraross.it

Il progetto “Terraross” è un progetto musicale e di ricerca che mira a riscoprire e valorizzare quella che era la cultura di un tempo ormai perduta.Diamo voce e musica a quella che è la nostra storia,le gesta dei nostri avi…scene di vita quotidiana,il vocìo della gente tra le vie,la voce dei nostri mercanti ambulanti,l’affanno del duro lavoro nei campi,nonchè il grido delle  lotte e delle rivoluzioni.Ma non poteva di certo mancare il canto d’amore,la poesia e il fascino ormai perduto delle antiche serenate!
“Ballate e non vi stancate mai” è un pò il nostro motto perchè “uno solo è il tempo,uno solo è il ritmo che ci riconduce dal battito della vita,del cuore al battito della terra.E lo sentite nei tamburelli che scandiscono un tempo che non ha tempo.Ritmo da cui una sensuale e frenetica danza prende vita .Danza che sa di dolore,frustrazione nonchè di liberazione e rinascita.Una sola parola:musica!la nostra musica.figlia dell’amore e della passione per la propria terra…e la nostra terra è rossa!Musica…..la nostra musica che profuma di Sud,che attraversa i campi d’ulivo,i vigneti, le piantagioni di tabacco,musica che dalle alte cime del Gargano,viaggia attraverso la Murgia per toccare il Salento e per poi infine arrivare al mare. il nostro cammino dalla Puglia arriva anche  in Campania passando dalla Basilicata portando con sè sonorità diverse,paesaggi  e profumi differenti ma che con naturalezza si lasciano contaminare fino ad una perfetta fusione perchè sono terre vicine, figlie della stessa radice,terre sorelle!”

RONN MOSS
Fasano, ore 22.00 Piazza Ciaia – domenica 16 giugno 2019

ronnmoss.com

Originario di Hollywood CA, Ronn Moss è cresciuto nel settore dell’intrattenimento. Sapeva a 11 anni dopo aver visto l’apparizione dei Beatles allo show di Ed Sullivan che voleva suonare la musica e ha imparato da solo la chitarra, il basso e iniziato le lezioni di batteria a Hollywood. Ronn formò quindi le sue band dai suoi amici più giovani e iniziò a suonare nei club intorno a Los Angeles prima che fosse maggiorenne in quei club.
Era alla fine degli anni ’70 che conobbe Peter Beckett e JC Crowley e insieme al grande amico del college John Friesen formò la band, “PLAYER.” La band fu firmata dal famoso manager australiano Robert Stigwood alla sua etichetta RSO records e raccolta e manciata dei primi 40 successi tra cui il grande successo di successo # 1 “Baby Come Back.” PLAYER ha iniziato a fare tournée con Eric Clapton, Heart, Kenny Loggins, Boz Skaggs, Little River Band, Gino Vannelli, oltre a dirigere i propri concerti. Su suggerimento di Robert Stigwood, e poiché PLAYER stava vivendo un rallentamento nel settore discografico, Ronn ha deciso di cimentarsi con la recitazione e ha rapidamente ottenuto il suo primo film intitolato “Hearts and Armour” girato in Sicilia e a Roma, in Italia. Seguendo una progressione di film, programmi TV e spot pubblicitari, Ronn ha dato origine al ruolo iconico di Ridge Forrester per il film drammatico di CBS Daytime, “The Bold And The Beautiful”. Nei successivi 25 anni lo spettacolo è diventato una sensazione mondiale in 130 paesi, fare di Ronn un volto e una personalità riconosciuti a livello internazionale. 

LE VIBRAZIONI
Fasano, ore 22.00 Piazza Ciaia – lunedì 17 giugno 2019

levibrazioniofficial

Le Vibrazioni sono un gruppo musicale pop rock italiano, formatosi a Milano nel 1999.
Il gruppo è composto dal cantante e chitarrista Francesco Sarcina, principale compositore, il chitarrista e tastierista Stefano Verderi, il bassista Marco Castellani e il batterista Alessandro Deidda. La formazione ha incluso per un periodo Emanuele Gardossi, che ha sostituito Castellani dal febbraio del 2008 fino alla pausa dichiarata dalla band nel 2012.
Francesco Sarcina, frontman del gruppo
Dopo anni di gavetta trascorsi a suonare per i locali milanesi, il gruppo riesce ad esordire all’inizio del 2003 con il singolo Dedicato a te, certificato disco di platino dopo poche settimane. Il singolo è stato trainato da un video girato sui navigli milanesi, di cui il gruppo Elio e le Storie Tese ha fatto una parodia. Nello stesso anno Le Vibrazioni pubblicano il loro primo album, Le Vibrazioni, le cui vendite superano le 300 000 copie e da cui estraggono i singoli In una notte d’estate, Vieni da me, Sono più sereno ed …E se ne va. Quest’ultima verrà inclusa nella colonna sonora del film Tre metri sopra il cielo.
Nel 2004, terminato il loro primo tour di successo, pubblicano un DVD live, Live all’Alcatraz registrato il 27 settembre 2003 presso lo stesso club milanese in occasione dell’ultima data del tour di promozione del loro primo album in quell’anno. Il DVD contiene il filmato integrale del concerto e alcuni estratti video relativi al backstage.
Le Vibrazioni II e Officine meccaniche
Verso la fine del 2004 esce un nuovo singolo, Raggio di sole, che anticipa il loro secondo album. Nel marzo del 2005 partecipano al Festival di Sanremo nella categoria gruppi con la canzone Ovunque andrò. Il loro secondo album, intitolato Le Vibrazioni II esce in contemporanea alla manifestazione canora. Le Vibrazioni II viene certificato disco d’oro. Nello stesso anno collaborano al film Eccezzziunale veramente – Capitolo secondo… me, cantando la sigla insieme a Diego Abatantuono. In estate partecipano al Festivalbar con il brano Angelica.
Il loro terzo album, Officine meccaniche, prodotto da Marco Trentacoste, viene pubblicato nel novembre del 2006, anticipato dal singolo Se. Il nuovo album è caratterizzato da una svolta musicale verso un genere più rock, seppur mantenendo qualche brano melodico, cercando di allontanarsi dai due lavori precedenti.
Cambio di formazione, Le strade del tempo e la pausa
Il gruppo dal vivo nel 2007
All’inizio del 2008 Marco Castellani, il bassista, lascia la band per dedicarsi ad un progetto musicale con la band Octopus e viene sostituito da Emanuele Gardossi. Nel febbraio dello stesso anno esce il video di Drammaturgia, una rivisitazione del film degli anni settanta, The Rocky Horror Picture Show che vede coinvolti come attori personaggi famosi nell’ambito del cinema, come Riccardo Scamarcio, Paolo Bonolis e Sabrina Impacciatore.
Nel marzo 2008 viene pubblicato il primo singolo registrato e prodotto da Marco Trentacoste con la nuova formazione, Insolita, che è stata inclusa nella colonna sonora del film di Sergio Rubini, Colpo d’occhio.
Il 18 aprile dello stesso anno esce il primo live album della band, dal titolo En vivo. Si tratta di una raccolta di brani registrati dal vivo durante il concerto del 24 agosto 2007 a Sant’Angelo dei Lombardi.
Nel dicembre 2009 il gruppo ritorna sulle scene con un nuovo singolo sempre prodotto da Marco Trentacoste, Respiro, che anticipa l’album Le strade del tempo, che viene pubblicato il mese successivo.
Il 19 maggio 2010 Le Vibrazioni sono stati chiamati ad aprire il concerto degli AC/DC a Udine. In occasione del campionato mondiale di calcio 2010, la band incide insieme al produttore Marco Trentacoste, quello che diventerà il brano ufficiale di Sky Sport, Invocazioni al cielo e viene inserita nella riedizione dell’ultimo album Le strade del tempo.
L’ultima tappa del Vibratour 2012, il 25 ottobre 2012 ai Magazzini Generali di Milano, precederà una pausa indeterminata dalle scene del gruppo milanese, come esplicitamente detto dai componenti stessi.
Le Vibrazioni in concerto a Sessa Aurunca nel 2018
Il 30 giugno 2017 il gruppo ha annunciato il proprio ritorno sulle scene musicali con la formazione originaria durante un’esibizione all’annuale Radio Italia Live.[3] Il 15 dicembre 2017 vengono annunciati tra i partecipanti al Festival di Sanremo 2018, con il brano Così sbagliato.[4] Si tratta della seconda partecipazione per il gruppo al festival della canzone italiana dopo quella del 2005.
Il 9 febbraio 2018 è uscito V, quinto album in studio del gruppo.
Il 25 maggio 2018 è stato pubblicato il singolo inedito Amore Zen, in collaborazione con Jake La Furia,[5] mentre il 28 settembre 2018 è stata la volta di un secondo inedito, Pensami così.
Il 18 gennaio 2019 è stato pubblicato il singolo Cambia, che omaggia Dedicato a te del 2003

DIODATO 
Fasano, ore 21.00 Piazza Ciaia – domenica 7 luglio 2019

diodatomusic.it

Nato ad Aosta, è di origine pugliese, in particolare di Taranto, città dove è cresciuto, e romano d’adozione. I suoi primi lavori sono stati realizzati a Stoccolma, dove ha partecipato a una compilation lounge cantando il brano Libiri (che avrebbe dovuto essere Liberi ma viene storpiato dai produttori svedesi) con i DJ svedesi Sebastian Ingrosso e Steve Angello, che andranno a formare qualche anno dopo gli Swedish House Mafia. ornato in Italia, si è laureato al DAMS di Roma in cinema.
Nel 2007 ha pubblicato un EP autoprodotto presentato al MEI di Faenza.
Nel 2010 ha inciso il singolo Ancora un brivido. Tramite il produttore Daniele Tortora (già con Afterhours, Roberto Angelini, Niccolò Fabi e Planet Funk) riceve la prima offerta discografica e incide il disco E forse sono pazzo nell’aprile 2013.
Il 1º maggio 2013 si esibisce a Taranto per il concerto del Primo Maggio a sostegno del risanamento ambientale, nell’autunno 2013 si esibisce anche nel programma radiofonico Radio 2 Social Club e RaiStereoNotte.
Nel dicembre 2013 viene selezionato per partecipare al Festival di Sanremo 2014 nella sezione “Nuove Proposte” con il brano Babilonia.
Il 19 e 21 febbraio 2014 quindi è sul palco del Teatro Ariston di Sanremo per l’importante kermesse canora in cui arriva secondo. 
Nel giugno 2014 ha vinto l’MTV Italia Award nella categoria “Best New Generation”
Nel settembre 2014 vince il premio De André con la sua versione di Amore che vieni, Amore che vai.
Il 27 ottobre 2014 esce il suo secondo lavoro discografico, intitolato A ritrovar bellezza, nel quale sono presenti cover degli anni sessanta.
Nel 2015 esce il secondo singolo dall’album, una reinterpretazione del brano Piove di Domenico Modugno.
Collabora con Daniele Silvestri in due brani inseriti nel suo album Acrobati (2016), ossia Pochi giorni e Alla fine.
Sempre nel 2016 appare nell’album La stanza intelligente, esordio solista di Boosta dei Subsonica.
Nel dicembre 2016 viene pubblicato in radio il singolo Mi si scioglie la bocca, primo estratto dal suo terzo disco.
Il 27 gennaio 2017 per Carosello Records viene pubblicato il suo nuovo album di inediti Cosa siamo diventati.
Un anno dopo, partecipa al Festival di Sanremo 2018 con il brano Adesso, interpretato in coppia con il trombettista Roy Paci.
Il 18 maggio 2018 pubblica il singolo inedito Essere semplice.

FRANCESCO DE GREGORI 
Fasano, ore 21.30 Piazza Ciaia – domenica 21 luglio 2019

francescodegregori.net

Nasce a Roma il 4 aprile del 1951. Trascorre parte della sua infanzia a Pescara per poi fare rientro stabilmente nella Capitale alla fine degli anni Cinquanta. A Roma frequenta il liceo classico Virgilio, dove vive in prima persona gli eventi e i fermenti politici del movimento studentesco del ’68.
Fortemente ispirato dalla musica e dai testi di Fabrizio De Andrè ma anche successivamente dalle canzoni di Bob Dylan, De Gregori inizia ad esibirsi, appena sedicenne, al Folkstudio, presentato dal fratello maggiore Luigi, anche lui musicista.
Il Folkstudio è frequentato da altri giovani cantautori come Antonello Venditti, Mimmo Locasciulli, Stefano Rosso, Giorgio Lo Cascio, Paolo Pietrangeli; da jazzisti come Mario Schiano e Marcello Melis.
Il 1972 è l’anno dell’esordio discografico. “Theorius Campus” vede De Gregori condividere con l’amico Venditti, anche lui al suo primo disco, questo lavoro ancora acerbo dove la canzone più interessante (almeno per quanto riguarda De Gregori) è “Signora Aquilone”.
Nonostante il deludente riscontro commerciale di “Theorius Campus” l’anno successivo, grazie alla coraggiosa produzione di Edoardo De Angelis, Francesco De Gregori realizza, per la IT di Vincenzo Micocci, il 33 giri “Alice non lo sa”.

CAETANO VELOSO
Fasano, ore 21.30 Piazza Ciaia – domenica 22 luglio 2019

Show de Caetano Veloso e Gilberto GIl, em São Paulo

caetanoveloso.com.br

Caetano Veloso, nato nello Stato di Bahia, è uno dei più popolari e autorevoli cantautori brasiliani.
Quinto dei sette figli, ha iniziato la sua carriera con la bossa nova, ma ha presto iniziato l’esplorazione e la creazione di stili diversi, resi con un proprio senso estetico, noto come MPB (musica popolare brasiliana).
La collocazione politica di Veloso gli provocò la persecuzione da parte della dittatura militare che ha mantenuto il potere fino al 1984; le sue canzoni venivano frequentemente censurate e, in alcuni casi, proibite. A causa dell’AI-5, Veloso e Gilberto Gil trascorsero diversi mesi in prigione per “attività anti-governative” nel 1968 e andarono infine in esilio a Londra.
Nel corso degli anni ottanta, la popolarità di Veloso al di fuori del Brasile è aumentata, specialmente in Israele, Francia e in Africa, mentre nel 1990 ha ricevuto il Premio Tenco. Nel 2002 Veloso ha pubblicato un libro autobiografico dove racconta anche la storia recente del Brasile, in tutti i suoi aspetti, Verità tropicale. Musica e rivoluzione nel mio Brasile.
Nel 2004, era una delle più autorevoli e prolifiche pop star del mondo latino americano, con oltre cinquanta dischi all’attivo, è stato anche un grande amico del regista Michelangelo Antonioni, per il quale ha scritto nel 2004 la colonna sonora del film Eros.
Il 15 febbraio 2013 ha partecipato come ospite alla quarta serata del Festival di Sanremo, condotto da Fabio Fazio, esibendosi insieme a Stefano Bollani.
Nel 2015 e nel 2016 intraprende con il collega e vecchio amico Gilberto Gil una lunga tournée internazionale (“Dois amigos, um século de música”), che include anche alcune date in Italia, per celebrare i 50 di carriera di entrambi.
Il 12 maggio 2018 si esibisce all’Eurovision Song Contest cantando assieme a Salvador Sobral la canzone vincitrice nel 2017, Amar pelos dois come interval act nella finale.

EX-OTAGO
Fasano, ore 21.30 Piazza Ciaia – sabato 17 agosto 2019

ex-otago.it

Gli Ex-Otago si formano a Genova nel 2002 come trio acustico. Dopo diversi cambi di formazione gli Ex Otago a oggi sono: Maurizio Carucci, Simone Bertuccini, Francesco Bacci, Olmo Martellacci e Rachid Bouchabla. Pubblicano il primo album nel 2002, “The chestnuts time” e nel 2007 il secondo “Tanti Saluti”, seguono nel 2011 “Mezze stagioni” e nel 2014 l’album “Gli Ex-Otago si formano a Genova nel 2002 come trio acustico. Dopo diversi cambi di formazione gli Ex Otago a oggi sono: Maurizio Carucci, Simone Bertuccini, Francesco Bacci, Olmo Martellacci e Rachid Bouchabla. Pubblicano il primo album nel 2002, “The chestnuts time” e nel 2007 il secondo “Tanti Saluti”, seguono nel 2011 “Mezze stagioni” e nel 2014 l’album “In capo al mondo” assieme al libro “Burrasca”. Il 2016 è l’anno che sancisce la collaborazione degli Ex-Otago con l’etichetta bolognese Garrincha Dischi e la torinese INRI. “Cinghiali incazzati“, “I giovani d’oggi”,“Quando sono con te” sono i primi singoli estratti dall’album “Marassi”, a cui seguono “Gli occhi della luna” feat. Jake La Furia e “Ci vuole molto coraggio” feat. Caparezza confluiti poi nella versione Deluxe uscita nella primavera del 2017. Tutti brani entrati in air play dove hanno riscosso molto successo tra i principali network radiofonici e le radio locali. “Marassi” è stato il disco che ha portato gli Ex-Otago a suonare su e giù per l’Italia registrando un gran numero di sold out ed un entusiasmo crescente da parte del pubblico. Un susseguirsi di date e città fino al concertone del primo maggio in piazza San Giovanni a Roma, dopo il quale gli Ex-Otago si sono immersi nel lungo tour estivocon oltre 50 date e più di 20.000 km percorsi in 3 mesi. All’Arena del mare nella loro Genova hanno realizzato la data con record di presenze della rassegna, portando con loro sul palco: Dardust, Willie Peyote, Jake la Furia, i Keaton e molti altri artisti. A settembre 2017 gli Ex-Otago hanno chiuso il loro lungo tour estivo con alcune date di prestigio tra cui spiccano il Festival della Letteratura di Mantova, l’Home Festival di Treviso e la chiusura al Carroponte di Milano assieme a Lo Stato Sociale davanti ad oltre 5000 persone accorse nonostante la pioggia battente ed il freddo. L’autunno ha visto poi la conclusione del ciclo di Marassi, un lavoro di quasi 2 anni che ha visto gli Ex Otago migliorarsi di volta in volta, con il “Marassi Super Tour” che ha toccato i club delle maggiori città Italiane, una continua prova con tanti traguardi raggiunti,come il concerto all’Alcatraz di Milano, che ha visto gli Ex-Otago condividere il palco con diversi ospiti tra cui Max Pezzali, i Canova e di Nikki Tropical Pizza una grande festa per omaggiare un anno intero e più di Marassi. La conclusione in bellezza a Genova in piazza De Ferraris, al concerto di fine anno organizzato dal comune che ha visto scendere in piazza migliaia di persone per salutare il 2017 assieme agli Ex-Otago.  A maggio 2018 tornano con il nuovo brano “Tutto bene” con la produzione artistica di Matteo Cantaluppi che ha preceduto l’unica data estiva del 25 maggio al MiAmi Festival di Milano. Il 26 ottobre esce il nuovo singolo “Questa notte” e vengono annunciate le prime date del “Cosa fai questa notte? tour 2019”. Il 18 dicembre arriva “Bambini”, un regalo che la band ha scelto di fare al proprio pubblico nell’attesa dell’uscita del nuovo album “Corochinato”. A febbraio al Seeyousound 2019 di Torino verrà presentato “Ex-Otago – Siamo come Genova”, il docu-film che racconta lo speciale rapporto tra la band e la città di Genova, da sempre protagonista delle loro canzoni. Il docu-film, firmato da Paolo Santamaria, prodotto da Muse-X, Garrincha Dischi, INRI e distribuito da I Wonder Pictures racconta come mai prima d’ora, attraverso immagini live, retroscena e testimonianze di vita quotidiana, il gruppo dal successo di “Marassi” alla creazione di “Corochinato”. La band parteciperà alla sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo con il brano “Solo una canzone”.

GAZZELLE 
Fasano, ore 21.00 Piazza Ciaia – domenica 25 agosto 2019

gazzelledaje

Cresciuto nel Rione Prati di Roma, frequenta l’ultimo anno di superiori insieme a Umberto Violo (Dark Wayne) e Nicolò Rapisarda (Tony Effe), futuri componenti del collettivo trap Dark Polo Gang.
Inizia a suonare a livello amatoriale all’età di 22 anni in alcuni locali della capitale usando il proprio nome. A partire dal 2016 utilizza lo pseudonimo di Gazzelle, storpiatura del modello di scarpe Gazelle prodotte da Adidas.
Il 9 dicembre 2016 pubblica il singolo Quella te, che attira l’attenzione della critica e dell’ambiente della musica indipendente.
Il brano anticipa il suo primo album intitolato Superbattito, uscito sotto l’etichetta Maciste Dischi il 3 marzo 2017 e da cui verranno estratti anche i singoli Zucchero filato e Nmrpm.
Successivamente pubblica i singoli Sayonara e Stelle filanti, inseriti nell’EP Plastica, uscito nel 2017 in formato vinile.
Segue la pubblicazione di Nero, Meglio così e Martelli, che, insieme ai due singoli precedentemente citati, verranno inclusi nella versione deluxe dell’album d’esordio, intitolata Megasuperbattito e pubblicata il 2 marzo 2018.
Il 1º maggio 2018 si esibisce nel tradizionale concerto che si tiene annualmente a Roma a piazza San Giovanni in Laterano.
L’8 giugno 2018 pubblica in collaborazione con Lorenzo Fragola il brano Super Martina, contenuto nell’album Bengala del cantante catanese, con il quale partecipa ai Wind Music Awards 2018.
Collabora con Luca Carboni nella stesura del brano L’alba, presente nell’album Sputnik del cantautore bolognese.
Nel luglio 2018 è tra gli artisti che, attraverso le pagine di Rolling Stone, aderiscono all’articolo che dissente nei confronti delle politiche sull’immigrazione attuate dal ministro dell’interno.
Il 30 novembre 2018 pubblica, con le etichette Maciste Dischi e Artist First, il suo secondo disco, intitolato Punk.
Con l’uscita del secondo album annuncia anche il tour nazionale, dal nome Punk tour.
Il 26 aprile 2019 esce l’album Faber nostrum, disco tributo a Fabrizio De André in cui vari esponenti della musica italiana reinterpretano un brano del cantautore genovese. Gazzelle partecipa realizzando la cover di Sally, brano del 1978 pubblicato nell’album Rimini.
Il 1º maggio 2019 si esibisce per la seconda volta consecutiva nel tradizionale concerto a piazza San Giovanni in Laterano.