+39 080 442 5167

Reato e lavori di pubblica utilità – un convegno a Brindisi

17 Feb 2017 Volontariato Redazione GM

Si svolgerà oggi, Venerdì 17 Febbraio alle ore 16,00 a Brindisi presso il salone di rappresentanza della Provincia in Piazza Santa Teresa il convegno “Reato e lavoro gratuito in Enti Pubblici e Terzo Settore – Il lavoro di pubblica utilità nella previsione della L. 67/2014: applicazione e profili operativi per enti locali ed organizzazioni di volontariato”.

All’evento parteciperanno, tra gli altri, il Presidente del Tribunale di Brindisi Dott. Alfonso Pappalardo, il Garante regionale dei Diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà Dott. Piero Rossi, il Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Brindisi Avv. Carlo Panzuti, il Presidente della Camera Penale di Brindisi Avv. Fabio Di Bello, la Dirigente dell’Ufficio Distrettuale per l’Esecuzione Penale Esterna di Lecce Dott.ssa Patrizia Calabrese. Le conclusioni sono affidate all’On. Elisa Mariano, Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati. Il Dibattito sarà moderato dall’Avv. Silvia Franciosa.Reato e lavori si

La legge 28 aprile 2014 n.67 ha previsto in determinati casi la sospensione del processo penale con messa alla prova dell’imputato, con obbligo di svolgimento di una prestazione di lavoro di pubblica utilità, non retribuito, presso lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni, le Aziende sanitarie o presso Enti o Organizzazioni, anche internazionali, che operano in Italia, di assistenza sociale, sanitaria e di volontariato.

Il CSV Poiesis, Centro Servizi al Volontariato della provincia di Brindisi, intende favorire, in collaborazione con l’U.E.P.E. – Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Brindisi e con l’Ufficio del Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà – Puglia la più ampia diffusione della conoscenza di detto istituto e dei connessi risvolti operativi, in ragione dei molteplici positivi effetti che la sua applicazione può apportare in ambito sociale.

Commenti

There are no comments yet×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *